Alcuni suggerimenti per passare un “buon tempo” con i figli.

 

E’ finita la scuola e noi genitori ci chiediamo come passare il poco tempo disponibile (escludendo le sacre ferie) con i nostri figli, nel migliore dei modi? Intanto investiamo il nostro tempo con loro al massimo della qualità. Per questo vi diamo 3 tempi motivazionali e 3 suggerimenti per farlo che certamente non fanno male:

  • Tempo di qualità: quando giocate con i bambini, spegnete i telefoni, isolatevi dal mondo e passate almeno 30 minuti insieme, in casa o all’aperto sarà per loro un gran bel regalo. Se possibile portateli a giocare all’aperto, sull’erba su un’altalena, un giro in bici, uno spruzzo d’acqua per calmare il caldo estivo. In questo tempo non preoccupatevi di null’altro tranne che giocare con loro. Cercate di essere propositivi con i piccoli e chiedetegli se gli va di giocare a…? di fare un giro là…? meglio così che lasciare alla loro piccola età le problematiche della scelta. Se invece sono piccolissimi, interagite con loro ad esempio su un tappeto con giostrina, sentiranno la vostra presenza riconoscendovi anche con l’olfatto, oppure un giro in biciletta in sicurezza per fargli sentire il vento in faccia è per loro un’esperienza unica!
  • Tempo di coinvolgimento: se più grandini diventa per loro un vanto potervi imitare nelle faccende domestiche e coinvolgerli un pochino, è per loro molto bello. E se li vedete ben coinvolti premiateli con un piccolo suggerimento sul lavoro che stanno facendo, un bacio, una carezza… .
    Il coinvolgimento iniziale diventa poi un giocare da soli o con amici a cucinare o mettere le manine in un banco di lavoro o con un gioco creativo.
  • Tempo di imparare a divertirvi con loro: quali erano i giochi che vi hanno fatto divertire da piccoli? Provate a riproporli: leggere una fiaba sotto un albero, gattonate insieme a loro sull’erba nel parco, qualche bel cartone visto insieme (ma non abbandonateli mai davanti alla TV al PC e soprattutto… con uno smartphone in mano!!!), vi faranno tornare ricordi piacevoli passando un buon tempo insieme a loro. Se più grandicelli uno skate o una bici senza pedali o veicolo elettrico li aiuterà nella loro autonomia. Insomma divertitevi avete un’occasione unica per tornare a fare i bambini!
  • Gestione dei capricci: nel 90% dei casi si nasconde una richiesta d’aiuto. Se voi siete presi dal telefono, o state preparando un pranzo, se siete al pc o troppo al cellulare e il piccolo continua a fare i capricci. Beh, allora fermatevi a leggergli una storia o chiedetegli di aiutarvi. Li renderete importanti e molto probabilmente non faranno più i capricci.
  • Siate coerenti: scegliete solo poche regole sulle quali essere rigidi e coerenti. Su tutto il resto si può chiudere un occhio!
  • Non sono soli: ricordatevi infine che i bambini, quando sono più grandicelli, sanno giocare molto bene anche da soli come con i loro amici e amiche con giochi di società e giochi creativi. In questi momenti la loro creatività e fantasie salgono alle stelle, imparano a conoscere i loro momenti di pausa e di divertimento, a relazionarsi con i coetanei, e  l’attenzione costante e distaccata di un genitore che lanci piccole perle per implementare ulteriormente il gioco, gli piace molto.Ricordiamoci che quello che un buon genitore dovrebbe fare è favorire il gioco dei bambini dando loro spazio e tempi adeguati, facilitando i contatti con gli amici, stando molto attenti negli acquisti e comprando giocattoli adatti alla loro età e sfruttando l’estate per i giochi all’aperto.

    Infine diamo ai nostri figli la disponibilità autentica del nostro tempo, sono preferibili meno ore settimanali allo sforzo quotidiano del finto “genitore perfetto”, che in realtà quando si mette a giocare con i figli ha sempre la testa altrove.

Commenta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

*

code

Diario di Bordo

Ravenna, 16 aprile 2018 Perché diario di bordo? Perché quando ho scoperto che sarei diventata mamma ho avuto come la sensazione di partire per un nuovo lungo viaggio pieno di avv[...]