ALIMENTAZIONE INFANTILE D’ESTATE

 

Facciamoli mangiare meno, più spesso con cibi adatti al periodo caldo.

Anche se l’estate che stiamo vivendo è tutto sommato ancora gradevole, il caldo o caldissimo è lì che ci stà aspettando e allora cosa possiamo fare per seguire una corretta alimentazione soprattutto per i bambini e i ragazzi?

Sappiamo che “Il caldo riduce la spesa energetica per la termoregolazione, agisce sul sistema ormonale e induce apatia e pigrizia, provoca una riduzione dell’appetito” ci spiegano i pediatri dell’ospedale Bambin Gesù di Roma, ma a risentire dell’aumento della temperatura è anche l’intestino, per cui la digestione diventa più faticosa.
Diventa quindi determinante ridurre le porzioni, senza però mai saltare i pasti, ridurre i cibi grassi, e distribuire l’apporto calorico in più spuntini durante l’arco del giorno.

Ed ora ci troviamo ad elencare pochi semplici appunti per l’alimentazione nel periodo estivo:

1. Frutta, frutta, frutta e verdura in abbondanza
La frutta e la verdura in estete non devono mai mancare.
La verdura va mangiata preferibilmente cruda o cotta al vapore, in modo da non perdere le vitamine e i minerali, e la frutta, ben lavata e meglio se coltivata senza additivi chimici (Bio), va consumata con la buccia, così da non perdere la sua componente fibrosa.

2. Pesce, carne bianca e legumi
Facciamo il pieno (è un modo di dire, teniamo leggeri i nostri piccoli) di: pesce, perché ricco di omega 3 gli acidi grassi essenziali che ci fanno bene; carne bianca che è la carne meno grassa, con meno colesterolo e più digeribile come il pollo, il tacchino e il coniglio (se vi capita di conoscere allevatori “genuini”, approfittatene); legumi, spesso poco usati ma ricchi di proteine, sali minerali e vitamina B1, fondamentale per la buona funzionalità del sistema nervoso.
Evitiamo i cibi fritti, e riprendiamo l’utilizzo delle erbe aromatiche o spezie e condiamo con olio extravergine a crudo.

3. Bere tanto: acqua e bevande, ma non gassate
Bere acqua, tanta, ma ormai tutti lo sappiamo è la bevanda migliore ma liscia, non con gas, poi possiamo preparare spremute di agrumi e frullati di frutta fresca, che contengono molta vitamina C. Anche un po’ di the freddo va bene da portarsi dietro in comodi termos, ma preparatelo in casa, con aggiunta di poco zucchero con un poco di limone una foglia di menta o una fettina di pesca.
Un modo, anche sfizioso, è fare dei centrifugati che raccolgono tutte le migliori energie della frutta e verdura (sono disponibili tante ricette e abbinamenti)!

4. Cibi ad alto contenuto di calcio
Un forte aiuto è dato dai cibi ad alto contenuto di calcio, come il latte e i derivati, e vitamina D che ci vengono forniti dal pesce e dalle uova.

5. Uno spuntino leggero
Lo diciamo anche nel titolo in estate è meglio mangiare meno e più spesso, quindi proponete ai bambini, se non lo fate già, uno spuntino a metà mattina e uno nel pomeriggio. La merenda ideale è con la frutta fresca o lo yogurt.

Se volete dargli un gelato fatelo un giorno sì e uno no, preferendo i gusti alla frutta rispetto a quelli che contengono il latte e spesso ingredienti più difficili da digerire.
A questo punto i pasti son serviti e se avete bisogno di qualche suggerimento in più il vostro pediatra o la vostra nutrizionista potranno raccontarvene delle… buone!

 PS: Un ultimo e prezioso suggerimento: se i bambini non vogliono mangiare frutta e verdure, coinvolgeteli, come nell’immagine, giocando, scopriranno gli odori, i colori e conosceranno così gli alimenti che diventerannopoi  il loro pasto o la merenda con piatti e bicchieri per loro giocosi, sarà un divertimento molto sano!

Commenta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

*

code

Massaggio infantile

“I piccoli hanno si bisogno di latte, ma più ancora di essere amati e di ricevere carezze. Essere portati in braccio, cullati, accarezzati, massaggiati sono tutti nutrimenti per i [...]

Andiamo in piscina?

Ricordiamoci le poche cose ma importanti per la piscina (magari approfittando degli sconti estivi). Lo portiamo perché è arrivato Caronte con il suo carico di caldo o per i prim[...]